corpi d’argilla dipinti d’oro

 NON SONO ARTEFATTE, SOFISTICATE.
SONO NATURALI SCULTURE INVOLONTARIE,
SONO ESPRESSIONE DI CIO’ CHE SENTO. 

corpi d'argilla dipinti d'oro
corpi d’argilla dipinti d’oro

Dalla materia plasmata prendono vita i guerrieri, sculture arcaiche nelle forme, ma evolute nelle linee controllate e nel color oro quasi a rappresentare il divenire dell’umanità. Il movimento delle opere, attraverso il susseguirsi delle diverse fasi del ciclo della vita, è evoluzione: dalla nascita sino alla morte e in un processo inverso, regressione: dalla morte sino ad una nuova rinascita. I guerrieri, resi vivi da un anelito al divino, incarnano quella entità latente dentro ogni uomo che si risveglia quando comprende il miracolo della vita.
                                                                                                                       Marella Di Grande

 “Il guerriero della luce ha appreso che Dio si serve della solitudine per insegnare la convivenza. Si serve della rabbia per mostrare l’infinito valore della pace. Dio si serve del silenzio per fornire un insegnamento sulla responsabilità delle parole. Si serve del fuoco per impartire una lezione sull’acqua. Dio si serve della Terra perché si comprenda il valore dell’aria. Si serve della morte per mostrare l’importanza della vita”. Paulo Coelho

umanità

umanità

L’estetica vive nel calcolo del pensiero che risiede in ogni azione.
Ogni azione si giustifica attraverso le nostre intenzioni dichiarate dietro ogni singolo oggetto, dietro ogni singolo movimento.
Gli oggetti nella loro immobilità svolgono azioni parallele, la prima è presente nell’immediato attraverso il nostro sentire, la seconda è sempre immediata, ed è presente all’occhio del Padre, perché ogni cosa che facciamo siamo noi a dosare lo Spirito che c’è stato donato. Disciplina: importante è mirare all’armonia, far fluire le energie.
                                                                                                                 Claudio Arezzo di Trifiletti

Info su installazioni

Symbols, images, continuous reflections, moments that fluctuate over time, words thet open and words that close, breaths which meet in a heartbeat, amplifying the presence standing before the Door, in front of the panorama of all dimensions. Sounds without commas or full stops, absorbing the way ahead, predestined from the first breath of the note, at the achievement of their performance on a stage where everything is present, although not immediately visible, like a plant within a seed, like the life within a glance. I do not speak english, I speak with gestures. Claudio Arezzo di Trifiletti "Conceptual art"
Questa voce è stata pubblicata in corpi d'argilla dipinti d'oro, habibi, origine, oro, purificazione, sculture claudio arezzo di trifiletti, umanità e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.