Omaggio al Papa

Una volta un pezzo di legno, venne buttato in mezzo alla strada. Abbandonato al freddo e al gelo, la pioggia e l’alito dell’Etna gli parlarono. Tra la fretta e la furia, una macchina, lo fotografò continuando ad andare avanti. Pochi attimi per ascoltare il racconto, pochi attimi per dissetarsi. A Voi: Omaggio al Papa; ho soltanto dato parola, ad un legno che non desiderava  diventare rifiuto.

Omaggio al Papa

Omaggio al Papa

Info su installazioni

Symbols, images, continuous reflections, moments that fluctuate over time, words thet open and words that close, breaths which meet in a heartbeat, amplifying the presence standing before the Door, in front of the panorama of all dimensions. Sounds without commas or full stops, absorbing the way ahead, predestined from the first breath of the note, at the achievement of their performance on a stage where everything is present, although not immediately visible, like a plant within a seed, like the life within a glance. I do not speak english, I speak with gestures. Claudio Arezzo di Trifiletti "Conceptual art"
Questa voce è stata pubblicata in casa museo sotto l'etna, Omaggio al Papa e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.